Warning: Use of undefined constant REQUEST_URI - assumed 'REQUEST_URI' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.alzalavocecasoria.it/home/wp-content/themes/smart-mag/functions.php on line 74
Coronavirus: Sintomi E Periodo Di Incubazione

Coronavirus: Sintomi E Periodo Di Incubazione

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +
69Tempo di lettura Stimato: 2 Minuti

Coronavirus: Sintomi E Periodo Di Incubazione

I casi di positività in città stanno aumentando e in noi si manifesta sempre di più la paura del contagio, tuttavia è importante mantenere la calma.

Niente panico: coloro che hanno avuto stretti contatti con chi risulta positivo al tampone verranno sicuramente informati dalle autorità competenti e saranno messi a loro volta in isolamento.

E’ importante, a questo punto, fare chiarezza su quelli che sono i sintomi e i dati tempistici relativi alla diagnostica.

Come evidenziato dall’ European Centre for Disease Prevention and Control, il periodo di incubazione di questo virus, cioè il tempo che intercorre fra il contagio e lo sviluppo dei sintomi clinici, è stimato tra 2 e 11 giorni, fino ad un massimo di 14 giorni dopo i quali si svilupperanno i primi sintomi.

I sintomi più comuni dell’infezione da Coronavirus 2019-nCoV dichiarati dal ministero della salute sono:

Febbre oltre i 37,5°C, che non scende nonostante l’assunzione di antipiretici;

Tosse secca, stizzosa e insistente;

-Sensazione di affanno (dispnea) con difficoltà nel respirare.

Altri sintomi sono: stanchezza, facile affaticamento, dolori muscolari (mialgia), mal di testa, disturbi gastrointestinali (nausea, vomito e diarrea), congestione nasale e congiuntivale, mal di gola e senso di malessere generale.

Quindi, sapendo che il periodo di incubazione di massimo 14 giorni è seguito poi, nella maggior parte dei casi, dallo sviluppo dei sintomi suddetti, è inutile dunque allarmarsi se si crede di essere stati a contatto con un potenziale infetto prima dei 14 giorni di incubazione.

Detto questo, tuttavia, c’è da considerare l’eventualità di un’infezione priva di sintomatologia. E’ possibile che ci siano casi inconsapevolmente infetti perché asintomatici e di conseguenza, per evitare ulteriori contagi tramite loro, è indispensabile che tutti tengano conto delle norme di prevenzione. Restare a casa, in questo periodo, è dunque da considerare il mezzo più sicuro per debellare totalmente il virus.

Stando a quanto detto, in caso di necessità bisogna contattare:

  • il proprio medico di famiglia
  • la guardia medica
  • numero messo a disposizione della regione Campania 800 90 96 99

Antonio Esposito

Facebook Comments
Share.

About Author